volantino distribuito al presidio antifascista di Fabriano del 2 Luglio

LO RIBADIAMO : ORA E SEMPRE ANTIFASCISMO!
Antifascismo e violenza fascista sono oggi etichettati dai più come roba vecchia, anacronistica, anni ’70: cose da scontri di piazza, da fotografie in bianco e nero di un mondo che fu. Ma molti, oggi più che mai, sentono il peso della violenza di stampo fascista all’interno di questa nostra Italia nauseabonda. Lo sentono, lo percepiscono ogni giorno sul posto di lavoro e fuori: si passa dalla semplice intimidazione fino alla forma più becera dell’aggressione fisica. Va ormai quasi alla moda attaccare chi non ci sta, chi non accetta le regole di questo capitalismo globalizzato sempre più ributtante. Lo “sfigato”, ovvero chi non fa o segue le tendenze (un comunista, un anarchico, un migrante, ad esempio) viene insultato, emarginato, umiliato, a cominciare dalla scuola, così tristemente appiattita sui diktat gelminiani.
La notte tra il 23 e il 24 giugno, un ragazzo fabrianese è stato aggredito e picchiato da suoi coetanei (i soliti noti? I modaioli squadristi dei bar del centro storico?) perché indossava una maglietta con il ritratto di Che Guevara e perché aveva intonato le note di “Bella ciao”. Un episodio gravissimo che si va ad aggiungere ad una lunga lista di altri analoghi successi negli ultimi anni in varie parti d’Italia, molte volte camuffati dalla stampa locale come semplici scazzottate tra attaccabrighe, magari stranieri.
Con questo recente atto di violenza ci rendiamo conto ancor di più della deriva reazionaria che sta prendendo l’Italia, grazie alle varie leggi liberticide e repressive approvate a destra e a sinistra, che ormai da anni cercano di alimentare e diffondere un clima di tensione sociale volto ad innescare una patetica, devastante “guerra tra poveri. Noi anarchici e libertari ci opponiamo e lotteremo strenuamente fino a quando ogni forma di violenza, ogni forma di fascismo, ogni forma di capitalismo, ogni forma di sfruttamento dell’uomo sull’uomo sarà estirpata.

F.A.I. – Federazione Anarchica Italiana (Sez.”Michele Bakunin” Jesi, Sez.”Francisco Ferrer”- Chiaravalle),

Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri” Jesi,
Circolo Libertario “Atillio Franca” Fabriano,
Circolo culturale “Ottorino Manni” Senigallia
venerdi 25 giugno 2010 – distribuito allo sciopero generale di Ancona

CONTRO L’ATTACCO PADRONALE E DEL GOVERNO AI DIRITTI DEI LAVORATORI E DELLE CLASSI PIU’ DEBOLI

con la scusa della crisi globale il governo e i padroni stanno introducendo una serie di mutamenti strutturali destinati,nel breve termine, a modificare in peggio, le condizioni di vita e la stessa esistenza delle classi subalterne.
Nel pubblico assistiamo allo smantellamento del welfare,sanità,previdenza,scuola con la perdita di centinaia di migliaia di posti di lavoro. Nel privato grazie alle delocalizzazioni e all’aumento dello sfruttamento stiamo assistendo oramai da anni ad un continuo aumento della cassa integrazione e della disoccupazione.
Di fronte a questa situazione, l’attuale governo, sta portando a termine l’opera distruttrice, iniziata dai governi di vario colore che lo hanno preceduto e spinge l’acceleratore sul piano dello stravolgimento dei rapporti di lavoro, mirando direttamente alla totale cancellazione di diritti dei lavoratori
Sergio Marchionne, amministratore della più grossa fabbrica italiana, si offre per fare da apripista e da esempio per tutte le altre imprese, utilizzando lo strumento del ricatto occupazionale , per imporre una svolta alle relazioni industriali. Pomigliano, lo stabilimento simbolo della resistenza operaia al Sud, è il luogo dove si combatte in questi giorni un braccio di ferro che segnerà come non mai il destino del mondo del lavoro in Italia.
Il pezzo forte del piano Marchionne è di fatto l’assenza di regole, la rottura definitiva dei lacci e laccioli che da anni il capitalismo nostrano cercava di rompere;18 turni settimanali alla catena di montaggio e la possibilità di utilizzare 120 ore di straordinario obbligatorio significano di fatto disporre della vita dei propri dipendenti in maniera totale. Si arriva al delirio di onnipotenza, all’antioperaismo protofascista con le limitazioni del diritto di sciopero e la facoltà di non applicare le norme del contratto nazionale che prevedono il pagamento della malattia a carico dell’impresa o la possibilità di spostare i lavoratori in altre aziende fino a 50km senza rimborso.
Bene hanno fatto la FIOM ed il sindacalismo di base a non cedere al ricatto e a rispedire al mittente,un accordo irricevibile. La vittoria del referendum della Fiat non è stato quel risultato plebiscitario auspicato dai padroni. Tutto ciò non basta per vincere la partita.
Bisogna lottare per maggiori diritti e garanzie,per un lavoro degno,per una società che produca benessere collettivo e non per il profitto di pochi,che genera solo ricatti,miserie,sfruttamento e guerre tra poveri.
PER LA SOLIDARIETA’ DI CLASSE E LA GIUSTIZIA SOCIALE!
F.A.I. – Federazione Anarchica Italiana
Sez. “Michele Bakunin ” – Jesi
Sez. “Francisco Ferrer ” – Chiaravalle
Circolo Libertario ” Attilio Franca ” – Fabriano
Circolo Culturale ” Ottorino Manni ” – Senigallia

la rassegna Ora d’Aria si chiude con la proiezione del documentario Quando l’Anarchia Verrà, che racconta tramite testimonianze di militanti storici e brani musicali la storia di un sentimento umano ancora prima che di un pensiero politico,interverrà il regista Giangiacomo de Stefano e alcuni compagni dei gruppi anarchici di Imola dove si trova l’archivio storico della Federazione Anarchica Italiana

Comunicato stampa 5-06-2010

il Centro Studi Libertari “L.Fabbri” di Jesi come ormai da 6 anni nel mese di giugno da il via alla rassegna cinematografica “Ora d’Aria”. L’iniziativa continua tutte le domeniche e prosegue con un concerto di gruppi jesini, domenica 6 giugno alle ore 18 concerto con Dirty Blues Co. E Betty’s Back , si prosegue con la visione di Il Mio Amico Eric di Ken Loach domenica 13 giugno ore 21:30, l’ultimo appuntamento si caratterizza con la presenza del regista di documentari

Giangiacomo De Stefano che insieme hai gruppi anarchici imolesi presenterà domenica 20 giugno alle ore 21:30

Quando L’Anarchia Verrà, con voce fuori campo di Ascanio Celestini messo in onda su Rai 3 e sul canale satelitare Raistoria

coglieremo l’occasione per ricordare la violenza degli stati e dei loro eserciti esprimendo solidarietà agli attivisti aggrediti in acque internazionali, che hanno pagato con la vita voler esprimere il proprio dissenso.

Centro Studi Libertari – Luigi Fabbri – Jesi