Lottare si può, Lottare si deve!

Il padronato e il governo, complice la crisi internazionale e parte del sindacalismo confederale, stanno provocando uno tsunami devastante in tutto il mondo del lavoro e non solo, cancellando diritti, posti, regole e potere d’acquisto dei magri salari.

Il nostro territorio sta pagando un prezzo elevato in termini di perdite occupazionali, dalla Merloni di Fabriano al Cantiere di Ancona si evidenzia una scia continua di fallimenti, delocalizzazioni, mobilità, cassa integrazione in provincia e in regione.

In tutto il paese si delinea all’orizzonte una “macelleria sociale” provocata dallo scadere degli ammortizzatori sociali, totalmente inadeguati alla portata della crisi, e all’aumento della disoccupazione, innescando lotte tra poveri, razzismo e aumento della precarietà, dell’insicurezza, dello sfruttamento.

Abbiamo gridato che non avremmo pagato una crisi voluta e cresciuta all’ombra delle speculazioni finanziarie e del capitalismo internazionale, ma attualmente gli unici ad aver pagato siamo proprio noi, lavoratori, disoccupati, studenti mentre banchieri e industriali continuano ad arricchirsi grazie anche agli aiuti statali.

Nella politica, l’opposizione, sta reagendo come un pugile suonato, incapace di infliggere colpi incisivi, barcollante, privo di quella lucidità che a dire il vero non ha mai avuto, in quanto da sempre è a caccia di poltrone e frequenta le piazze soltanto per strumentalizzare per fini elettorali le lotte operaie.

Riteniamo questo sciopero generale di 4 ore utile soltanto come punto di partenza per un reale cambio di rotta, è necessario cambiare marcia, noi non ci stiamo ad essere fatti a pezzi, riprendiamoci le piazze, riprendiamoci la vita.

Solo la lotta paga!

COMUNICATO STAMPA

In merito alla manifestazione organizzata dai vari Comitati ambientali delle Marche lo scorso 20 febbraio ad Ancona, vogliamo sottolineare alcuni passaggi. Come anarchici di Jesi e della provincia eravamo presenti anche noi a difendere le ragioni della salute e del lavoro, al fine di evidenziare il nostro impegno contro la riconversione della Sadam,e più in generale contro il saccheggio del territorio, in regione come in Italia. C’eravamo, al pari di tanti altri cittadini che esprimevano la democrazia diretta tipica dei comitati. Eravamo presenti non con le nostre bandiere ma con quelle di altri comitati: anti-Tav e No dal Molin. Ciò nonostante, mentre veniva “denunciato” il comportamento antidemocratico di Belcecchi e del PD, proprio alcuni rappresentanti del comitato di Jesi non ci permettevano di prendere la parola, perché politicamente “etichettati”. Peccato. Un’occasione mancata di crescita ulteriore, in quanto non si può dare dell’antidemocratico agli altri e poi, con scuse pretestuose negare la parola a chi condivide la stessa battaglia, senza mirare a voti, poltrone, assessorati, crisi di maggioranza, ecc. A differenza forse di chi, in piazza ad Ancona, si è fatto il suo bello spot elettorale per andare a governare a fianco proprio di coloro che oggi sono contestati dagli stessi comitati. Ma l’obiettivo della lotta contro la Sadam è la tutela dell’ambiente, della salute e dell’occupazione contro i profitti privati, o ergersi a paladini di una democrazia ricca però di molti se e molti ma? E pensare che l’antidemocratico Belcecchi agli anarchici (sempre contrari alla sua politica) non ha mai negato la parola.
21 febbraio 2010
F.A.I. – Federazione Anarchica Italiana
Gruppo “Bakunin” – Jesi,
Gruppo “Ferrer” – Chiaravalle
Centro studi libertari “L. Fabbri” – Jesi,
Circolo libertario “A. Franca” – Fabriano,
Circolo studi sociali “O.Manni” Senigallia

A D I F E S A della salute, dell’ambiente e del lavoro, CONTRO L’INQUINAMENTO delle nostre vite prodotto dalla politica e dal mercato.

“Le Marche, l’Italia in una regione”, mai slogan fu più appropriato. La nostra regione assomiglia sempre più all’Italia devastata dai profitti industriali, dalle speculazioni degli sciacalli di turno, dai facili guadagni che una classe imprenditoriale senza scrupoli fa a spese dei cittadini grazie alle complicità del palazzo. La centralizzazione della produzione di energia elettrica in provincia d’Ancona, zona ad alto rischio ambientale, vede la Sadam e l’Api farla da padroni con la costruzione della centrale a biomasse e la pipeline per il bio-diesel. La Sadam di Maccaferri non si fa scrupoli e cerca di massimizzare i suoi profitti su tutto il territorio regionale, ma la volontà e la determinazione dei cittadini si fa sempre più sentire da Fermo, al Pesarese, alla Vallesina e in tutta la regione.
Non basta! Si paventano progetti devastanti un po’ in tutta la regione: rigassificatori, centrali turbogas, elettrodotti e perfino una centrale nucleare. E, se si vuole, viste le cronache del passato, non è detto che le devastazioni edilizie non favoriscano, come in varie parti del paese, anche da noi frane e smottamenti di vario ordine. Insomma un quadro preoccupante sintomo di una classe politica ed industriale buona solo a leggere il territorio in termini di saccheggio, di potere e di profitti per pochi a danno di molti.
In questi giorni si sta rendendo più difficile la lotta contro la TAV in Val Susa. Una lotta fatta dal basso, dai cittadini, fuori da giochi di partito e di potere. Una lotta che dà fastidio a molti e che vede una reazione feroce contro la libertà di protesta, con feriti ed arresti indiscriminati e menzogne mediatiche. Nelle Marche ancora non si è arrivati a tanto, di certo la volontà dei cittadini che dal basso hanno costituito e reso attivi comitati a difesa della salute, non sempre è ben accetta. Ciò nonostante in alcuni casi si sono smascherati i giochi torbidi della politica, fermati progetti pericolosi, ed evidenziato quanto siano piccoli gli spazi di libertà e di democrazia a disposizione della collettività per difendersi dai soprusi del potere.
Dal canto nostro la lotta continua contro la Sadam di Jesi, contro chi vuole lo scontro fra le ragioni dell’ambiente e quelle del lavoro, a difesa della libertà di parola, della salute pubblica e di un futuro occupazionale certo, produttivo, e non fatto solo per ingannevoli speculazioni finanziarie.
Continueremo a far sentire le ragioni della collettività, saremo a fianco dei cittadini e dei lavoratori ogni volta che dal basso si difende la dignità umana e si costruisce la giustizia sociale.
Solo la lotta paga!


Federazione Anarchica Italiana

sez. M.Bakunin Jesi

sez. F.Ferrer Chiaravalle

Centro Studi Libertari “L.Fabbri” Jesi