Osservatorio Infortuni sul lavoro – maggio, giugno, luglio 2019

Inizia il periodo estivo ma non c’è niente di nuovo sotto il sole, oltre alle temperature invivibili nelle fabbriche e capannoni che non fanno notizia. Gli svenimenti non vengono riportati dai giornali e visto che nelle marche si arriva tranquillamente a 29°C nei reparti ospedalieri di rianimazione, neanche i malati vengono tenuti in conto da chi amministra e organizza i reparti, immaginiamo chi gestisce lavoratori davanti a macchinari o utensili che emanano essi stessi calore . Siamo alle solite cadute dall’alto e schiacciamenti tutte cose già viste e sentite, come le storie che ci raccontano di investimenti sulla sicurezza che se ci fossero davvero oltre che sulla carta riuscirebbero magari ad evitare a qualche disgraziato amputazioni permanenti o gravi conseguenze per la propria vita.
non ci stancheremo di riempire i muri di queste vicende che riempiono le nostre vite di lavoratori. emblematico in questi mesi il caso di Ancona che in pochi giorni si è vista protagonista di incidenti a raffica,con una tragica morte in banchina e addirittura una caduta dal solaio direttamente nell’aula consigliare del comune, chissà se almeno questo vedere con i propri occhi le conseguenze di un infortunio abbia sensibilizzato chi in fabbrica difficilmente entra se non per inaugurazioni o visite guidate, ad affrontare seriamente con controlli le leggi che già ci sono, ma sono viste dai datori di lavoro come costi accessori.
sul fronte dei controlli si registra la punta dell’iceberg con 9 lavoratori in nero trovati in un agriturismo di camerino oppure lo scalpore suscitato dalla denuncia di una lavoratrice stagionale nel turismo che a Senigallia ha percepito 2,5 euro l’ora per il lavoro svolto e quando ha denunciato pubblicamente sui social lo sfruttamento si è vista ricordare che dovrebbe ringraziare per avuto la possibilità di un lavoro.
intanto quello che aumenta nella regione è la cassa integrazione ordinaria che arriva a salire del 39,5% rispetto allo scorso anno arrivando ai livelli di quella straordinaria che arriva a 40.5%. questi aumenti letti nel complesso però non fanno aumentare il dato generale che da in diminuzione le casse integrazioni del 14,8% dato dovuto al crollo cassa per solidarietà che è del – 57,1 % dovuta probabilmente al suo utilizzo svantaggioso legato all’applicazione del jobs act. tra i comparti in regione che vengono più colpiti c’è sicuramente quello del legno che segna un +243,1% di cig ordinaria e del 109,6% nel calzature-cuoio l’istat ricorda che in Italia nel mese di giugno si è segnato il più basso numero di disoccupati negli ultimi 7 anni ( 9,7%) , sembrerebbe un ottima cosa, ma se si vanno a considerare lefasce di età si riscontra che questo dato è dovuto alle 292 mila persone ultra 50enni che lavorano grazie alla Fornero, lasciando cosi’ meno posti alla fascia più giovane, infatti quella tra 25-49 anni è diminuita di 223 mila persone, se si considera che le statistiche considerano occupati anche chi è in cassa integrazione e chi vive di lavori semi occasionali, si arriva facilmente a capire come l’impoverimento della classe lavoratrice sia arrivato a livelli di sommossa sociale, visto che non si e’ rappresentati politicamente nelle istituzioni che dire lontane dagli sfruttati è dir poco, oltre che sempre meno rappresentati sindacalmente grazie alle leggi sulla rappresentanza. solo una presa di coscienza di questa situazione che porti ad un nuovo impegno diretto degli sfruttati potrà migliorare le condizioni di vita nostre, cioe’ degli ultimi.

07 maggio – Civitanova – A14 tamponamento tra tir ferito gravemente uno degli autisti coinvolti
22 maggio – Montefano – elettricista di 49 anni cade da una scala mentre lavora in un impianto elettrico in un maglificio elisoccorso
30 maggio – Ascoli Piceno – operaio alla imballaggi Borgioni rimane con la mano incastrata in un macchinario riportando gravi lesioni
31 maggio – Castel di lama – operaio di 57 anni cade da un altezza di 3 metri in un cantiere riporta la frattura del bacino, di 3 costole e un trauma cranico elisoccorso
5 giugno – Urbino – agricoltore rimane incastrato con le gambe sotto il trattore che si sfrena e si ribalta nel vigneto, riporta gravi ferite
– monteporzio – muratore di 50 anni cade da un ponteggio battendo la schiena, si teme per la piena funzionalità degli arti, elisoccorso
7 giugno – porto sant’elpidio – 60enne cade dall’impalcatura da un altezza di 5 metri in un azienda di tacchi, perde i sensi, gli operai dello stabilimento si fermano, elisoccorso in gravi condizioni
10 giugno ancona – porto banchina 23 operaio di 33 anni muore colpito violentemente al collo da un cavo di ormeggio che si spezza
13 giugno – Ostra – 29enne al lavoro in una palestra cade dal lucernario che si sfonda mentre accompagna degli operai termoidraulici per un sopralluogo, vola da 5 metri atterrando di petto, riporta gravi poli-traumi; è in prognosi riservata
16 giugno – ancona -cantiere navale CNR operaio carpentiere di 46 anni di una ditta esterna cade da 8 metri dal fianco di una nave da crociera in costruzione, battendo il volto sulla fiancata della nave nella caduta, soccorso da un collega che si tuffa in mare per salvarlo riporta fratture allo zigomo un serio trauma cranico e alcune costole rotte con principio di annegamento
18 giugno – Montefalco in foglia – agricoltore rimane ferito incastrato nel rollbar di
sicurezza che evita lo schiacciamento dovuto al ribaltamento del trattore
19 giugno – Tolentino – imbianchino di 51 anni cade battendo la testa fratturandosi anche il bacino
21 giugno serra san quirico – 24enne stramazza su un impalcatura a 7 metri d’altezza senza fortunatamente cadere di sotto elisoccorso in gravi condizioni
27 giugno – ancona – operaio 34 enne cade da circa 8 metri per un solaio che si sfonda finendo dentro la sala consigliare del comune, riporta fratture agli arti e in più parti del corpo
28 giugno – Cantiano – agricoltore 50enne muore schiacciato dal trattore che si ribalta mentre lavora con balle di fieno
29 giugno – Falerone -elettricista 60enne cade dalla scala da circa 3 metri ferendosi alla testa
30 giugno – Arquata del tronto – giovane agricoltore si ferisce con un’attrezzo agricolo soccorso dai paesani poi elisoccorso riporta lesioni interne
2 luglio – ancona – operaio di 48 anni alla SOL rimane ustionato a braccia e collo da una fiammata scaturita da una bombola di ossigeno
11 luglio – Fabriano – cantieri della quadrilatero operaio perde parte del pollice della mano sinistra
15 luglio – Fabriano – cantiere quadrilatero rimane ferito in maniera lieve un operaio medicato al pronto soccorso
19 luglio – Jesi – vola da un impalcatura da 6 metri in un cantiere in zona industriale battendo la testa e torace, elisoccorso riporta gravi poli traumi, muore nei giorni seguenti
30 luglio – Cupramontana – meccanico di 60anni rimane con una gamba sotto un pesante blocco di metallo che gli frattura la gamba e una profonda ferita elisoccorso

A cura del Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri” di Jesi