Categories
comunicato stampa

Elica – CStampa del 04.04.2021

E` del 31 marzo la comunicazione ufficiale da parte di Elica del proprio piano industriale 2021-2023, che prevede la delocalizzazione al 70% dei siti industriali nel Fabrianese. Partiti, sindaci e sindacati giustamente stanno dichiarando la loro solidarietà ai 407 lavoratori in esubero. Drammi di questo tipo si ripropongono ormai da anni sul territorio marchigiano e nel resto del paese, per questo non possiamo riproporci allo stesso modo di chi, cadendo dal pero, erige barricate – ormai residuali – quando le decisioni sono state prese. E` un fatto che le aziende si basino sui profitti prima che sui dipendenti, ed in questo valutare quando – e come – convenga o meno produrre in un paese o in un altro, Italia compresa. Prima gli italiani vale solo come slogan elettorale.

Le aziende, con il pretesto della crisi, ricevono aiuti dallo Stato, ma pensare che i finanziamenti pubblici (e privati), vincolati da leggi di restituzione dei soldi in caso di delocalizzazione, siano una via sicura e percorribile per fornire una base di appoggio alle famiglie che perderanno un reddito è quanto mai utopistico. Elica, come molti colossi della zona, si è` strutturata nell’ultimo decennio in modo tale da non fornire appigli legali sui quali aggrapparsi. Fornisce costantemente documentazione, debitamente accettata dalle parti sociali, riguardo alla sicurezza sul lavoro, ai finanziamenti ricevuti, alla scelta del management, ed anche alla – non – certezza di un posto di lavoro, grazie a nuove tipologie contrattuali (es. gli stage, e gli sgravi fiscali relativi), all’inclusione (anche se solo di facciata) dei dipendenti nella gestione e trasparenza aziendale.

A governi locali e nazionali vanno chiesti da subito un sostegno alle famiglie che verranno a trovarsi in difficoltà e una prospettiva di reddito certo per i lavoratori licenziati. Per l’impoverimento economico dei territori, dato da una politica industriale scellerata, non ci facciamo illusioni sulla capacità (e possibilità) di impedirlo da parte dei signori del palazzo. Da parte nostra, come lavoratori e come anarchici crediamo che di fronte a questi drammi non si deve restare da soli, non possiamo permetterci di lasciare indietro nessuno, dunque costruire reti per tutelare chi di noi ha ed avrà più difficoltà rimane una priorità, per prevenire tragedie umane e famigliari. Nel frattempo, in solidarietà operaia offriremo quel che abbiamo, e restiamo a disposizione.

FAI – Federazione Anarchica Italiana

   sez. “M. Bakunin” – Jesi

   sez. “F. Ferrer” – Chiaravalle

Categories
manifesto

Piazza della Repubblica

Categories
comunicato stampa

Comunicato stampa 26.02.2020

Il consigliere regionale di destra privo di argomenti e ricco di provocazioni è tornato a farsi sentire. Dopo le dichiarazioni antiscientifiche su invasioni etniche, reali come l’arrivo dei marziani, continua a prendersela con i più deboli. O meglio, le più deboli: le donne. Questa volta le categorizza in posizione subordinata all’interno di quella che lui afferma essere l’unico tipo valido di famiglia, facendo fare un passo indietro di qualche secolo alla società. Non pago, cita a caso articoli scientifici in un copia e incolla valido come un assegno a vuoto. E’ il volto rampante della destra fallimentare di sempre, portatrice di una strategia ben chiara: noi che siamo al potere decidiamo quali sono i diritti e chi ne possano usufruire. Gli altri, si arrangino, dando il meno fastidio possibile. Una visione utile a monetizzare l’assistenza sanitaria e sociale per mettere le mani su fondi pubblici, sui “piccioli” e, si sa, i soldi … non bastano mai! E dunque le donne stiano in casa a fare le disoccupate, e a farsi ammazzare dai maschi, in una condizione cronica di schiavitù familiare. Benvenuti nel Medioevo marchigiano! Molti sono insorti contro le parole del consigliere, ma troppi ancora ne mancano, specie a livello istituzionale, lavorativo e giuridico a sottolineare la banalità del male espressa fatta di segregazione e disuguaglianze per le vittime di sempre: donne, disabili, stranieri, poveri, lavoratori, in una guerra di classe arrogante e violenta in cui si tutelano i ricchi e i padroni e si aizzano gli sfruttati l’uno contro l’altro. Il tutto mentre la regione sprofonda in una pandemia che mostra la reale capacità di gestire la crisi da parte del governo locale. Si riuscirà a contrapporre ai gerarchi marchigiani una risposta politica e sindacale valida, collettiva, partecipata e rivendicativa?

FAI – Federazione Anarchica Italiana

   Sez. “M. Bakunin” – Jesi

   Sez. “F. Ferrer” – Chiaravalle

Gruppo Anarchico “Kronstadt” (senza fissa dimora) – Ancona

Categories
vignetta

Offese.24.02.21

Categories
comunicato stampa

CStampa Pandemia 01.02.21

Le Marche al tempo della pandemia. Aumentano i contagi nelle residenze, i centri sanitari tutti sono in difficoltà nell’affrontare una crisi che si manifesta sempre più lunga e pesante, il personale sanitario ha bisogno urgente di supporto, sia in tema di riposi sia in tema di alleggerimento dei carichi di lavoro. La precarietà di redditi e lavori si fa sempre più drammatica. Il tutto in quadro sanitario, sociale e lavorativo già reso difficile dalle scellerate politiche delle giunte regionali. E, di fronte a tutto questo la cabina di regia regionale si mostra in termini preoccupanti. Un consigliere di destra, nel giorno della memoria, parla di invasione etnica. L’assessora alle pari opportunità fa politica ideologica e oscurantista sul corpo delle donne, mentre l’assessore alla sanità incerto sul comprendere il significato di uno screening di massa per il COVID, criticato da più parti, pensa alle radici giudaico-cristiane dell’Europa.

I lavoratori, le donne, i malati, gli studenti in DAD, i migranti e i disoccupati, gli ultimi di sempre, non hanno certo bisogno dei teatrini politici di questa giunta regionale nuova, ma vecchia come il peggiore dei poteri dell’italica stirpe. Una giunta regionale in piena continuità con i suoi colleghi predecessori.

La pandemia sospende le vite, ma non le lotte e la consapevolezza politica che i diritti si allargano, si difendono e non si rubano per quattro sciacalli voti – e soldi – elettorali.

FAI – Federazione Anarchica Italiana

sez. “M. Bakunin” – Jesi

sez. “F. Ferrer” – Chiaravalle

Gruppo Anarchico “Kronstadt” (senza fissa dimora) – Ancona