05,12,19 aprile – CineDistopia #1 at CSL Fabbri

Ritorna il cineforum libertario al CSL “Fabbri”, questa volta vi proponiamo una rassegna composta da tre titoli in tema “distopia fantascientifica”.


Apertura del circolo alle 20:30,

inizio proiezioni alle 21:00.

Via Pastrengo 2, Jesi


Giovedì 05 aprile, “The zero theorem” [2013] di T. Gilliam, 107 min. – Vai al trailer

Giovedì 12 aprile, “Arès” [2016] di J.P. Benes, 90. min. – Vai al trailer

Giovedì 19 aprile, “A scanner darkly” [2006] – R. Linklater, 105 min. – Vai al trailer

 

1 Maggio al circolo: comizio – pranzo – film ”7 minuti”

Primo maggio di socialità, contro chi usa armi di distrazione di massa per distogliere l’ attenzione dai problemi quotidiani che affliggono gli sfruttati di tutto il mondo: equità, diritti, lavoro.

Programma della giornata:

– 11.30, comizio davanti al circolo
– 13.00, pranzo sociale, canti e caciara (se ci siete fatecelo sapere in qualche modo)

– 18.00, proiezione del film “7 minuti” di Michele Placido (90 min.)
trailer: https://www.youtube.com/watch?v=YbPWhzB3x2s

Giovedì 13 Aprile – ora d’aria: “Libertarias” al circolo

giovedì 13 aprile dalle 20,45 la rassegna cinematografica “Ora d’aria prosegue con “Libertarias”, di Vincente Aranda.

La trama si svolge durante la rivoluzione spagnola del 1936, in cui un gruppo di donne organizzate (le mujeres libres) combattono per la libertà e per l’anarchia

Il film verrà proiettato in lingua originale e sottolittolato in italiano

Venerdì 7 Aprile – docufilm “Il ribelle” al “Piccolo” di S. Giuseppe

Venerdì 7 aprile dalle 21.00 al cine-teatro “Piccolo” di S. Giuseppe verrà proiettato per la prima volta a Jesi “Il Ribelle” (2011, 72 min.) del regista Giancarlo Bocchi.

Il documentario ricostruisce la figura di Guido Picelli, socialista e poi comunista parmense dunque antifascista sulle barricate di Parma nel 1920-21 con gli Arditi del popolo (espressione organizzata di resistenza proletaria al montante fascismo italiano). Esule politico prima in Francia, poi in Russia, parte volontario per la Spagna dove trova la morte (in circostanze controverse) sul campo durante la rivoluzione spagnola del 1936.. Il docufilm assume notevole importanza su quest’ultimo fatto in quanto è proprio il regista che ha compiuto numerose ricerche negli archivi sovietici e spagnoli per cercare di far luce sull’accaduto. A seguire dibattito.

ARCI Jesi-Fabriano, ANPI, Centro Studi Libertari “L. Fabbri”, Laboratorio Politico “Spazio Rosso” Jesi